Translate

giovedì 2 febbraio 2017

Le vacche di Mussolini

Una leggenda metropolitana narra che il Duce fu chiamato a visitare alcune fattorie sorte in una di quelle grandi bonifiche che costituiscono una delle migliori cose fatte dal regime.
Prima fattoria visitata: un allevamento di vacche da latte, seconda fattoria, anche questa dedicata alla produzione di latte con vacche, terza idem....ma il buon Benito, che grullo non doveva essere, si accorse che le vacche si somigliavano tutte ed infatti erano sempre le stesse, che venivano imbarcate su camion e spostate di fattoria in fattoria per far vedere al Capo del Governo e del Partito gli ottimi risultati raggiunti.
La fantasia italica è sempre uguale e infinita, qualsiasi sia il governo in carica.
All'Asinone è venuta in mente questa storia di vacche che si spostano di fattoria in fattoria, perché ha visto un ex assessore della Giunta Fazzi prima e Favilla poi, fondare una Lista Civica con se stesso candidato a Sindaco, poi essere fra i Fondatori della nuova Lista civica a sostegno di Remo Santini, ed infine, leggiamo ora, candidato a divenire il Segretario di Fratelli d'Italia, uno dei tre partiti del centro destra, con buona pace di Santi Guerrieri. Se non fosse blasfemia potremmo anche dire "uno e trino".
Ci sovviene solo un dubbio: Se Fratelli d'Italia e La Lega a livello nazionale decidessero, come possibile, di fare liste proprie, per contarsi e non confondersi con le liste di Berlusconi, come farebbe il "nostro?"
Difficile sostenere due candidati Sindaci diversi nella stessa elezione, anche se, conoscendo l'abilità del personaggio, nulla ci potrebbe sorprendere.


Nessun commento:

Posta un commento