Translate

martedì 20 dicembre 2016

Lucca: una città .... di mormorii.... silenzi....misteri....

Lucchese focoso.... ma prudente...un antico detto fotografa bene la situazione della città. Vediamo alcuni esempi esilaranti:
  • Tambellini continua a tacere...neppure un sussurro sullo sputtanamento sui giornali prima ed ora in Consiglio Comunale, di un suo Assessore. Il silenzio è assordante...ma si sa, è sempre meglio un prudente.... omertoso..... silenzio.....alla Trasparenza.
  • Elezioni a Lucca, viste da destra: un candidato autorevole in pista da più di un anno cerca da tempo l'investitura dal centro-destra: Remo Santini, da molti anni apprezzato caporedattore della redazione di Lucca del giornale La Nazione. Tutti in città lo sanno da mesi....nonostante tutto questo attivismo, presenzialismo, sgomitamento, la sua candidatura non emerge da nessuna parte...solo mormorii....silenzi. Nei Bar si sussurrano di richieste esose fatte per lanciare la sua sfida elettorale, ma nel centro-destra vi è soprattutto una misteriosa perplessità....il timore di una.... "superfecondazione eteropaternale"
  • Una soluzione "focosa ma prudente" si potrebbe trovare candidando, per la parte avversa, Marco Innocenti, Caporedattore per moltissimi anni del giornale il Tirreno di Lucca.   Sarebbe una simpatica sfida, inedita e divertente: Tirreno contro Nazione, diventa Sindaco chi vende più copie del giornale. Il Quinto Potere ritorna nella sale cinematografiche di Lucca
  • Elezioni a Lucca, viste da sinistra: Stefano Baccelli è da oltre 4 anni il candidato in pectore dei renziani lucchesi e colligiani, per le Primarie a Sindaco. Pur nel più assoluto silenzio, sono usciti negli anni, mormorii autorevoli ovvero "voci dal sen fuggite", che confermavano la notizia, facendo logorare il povero Tambellini che sussurrava, ogni volta sempre più flebilmente, che poi e poi mai avrebbe fatto le primarie. Con il solito "culo tambelliniano", come scritto dal Sommo Poeta per Celestino V, "... vidi e conobbi l'ombra di colui che fece per viltade il gran rifiuto.."
  • Elezioni a Lucca, viste dal "Colle": Otto Von Bismarck soleva affermare che la "Politica è l'arte del possibile" ma con i dirimpettai del "Fanciullino" siamo alla esaltazione della perfezione: Scacco Matto in due mosse. 1)- Accordo "sofferto" con Tambellini, ascrivendosi il merito pubblico di ricompattare il PD concludendo anche una utile pace con Rossi, caso mai dovesse andare al posto di Renzi. 2)- Far candidare dal centro-destra un "friend of the hill" per vincere facile contro un Tambellini, indigesto ai più. Qui stiamo oscurando Ulisse e il suo cavallo di buona donna, per prostrare le invitte Mura di Lucca a  "Wašíčuŋ Tȟašúŋke" dell'Illinois e asservire la città del Garbo ai Rolandinghi del Colle di Caprona. 
  • Elezioni a Lucca viste da Matteo.....non quello vero..."quello de' noantri"....l'ha provate tutte: Primarie, Secondarie, Terziarie.......fa il paio con Nannipieri, per la sponda opposta, ad ambedue per Natale l'Asinone regalerà un disco di Tonino Carotone: "Me cago en el amor" Visto che il seggiolone "sindacale" non quaglia, ci sarà una loro sfida a due per una "sedia stercolaria" dove ogni Papa, nei secoli, si è seduto per far verificare che "Virgam et testiculos habet" verifica che Papa Giovanni VIII non superò... per passare alla storia come "la Papessa Giovanna".
  • Come disse Friedrich Schiller: "...Tutti giudicano secondo l’apparenza, nessuno secondo la sostanza..." ovvero: Non tutto quello che luccica è.... oro!!!

Nessun commento:

Posta un commento