Translate

domenica 6 marzo 2016

Lo chiamavano...... Dignità........

Nello Statuto del PD vi è una norma che prevede le Primarie anche in presenza di un Sindaco PD uscente, se a richiederlo è un "tot" di iscritti al Partito di quel Comune.
Il nostro Sindaco Tambellini, se ne infischia degli Statuti e le Primarie del PD non le vuole.
La sua motivazione, più volte ribadita: ho svolto il mandato di Sindaco con "Dignità".
Molti si sarebbero aspettati di sentir dire: ho fatto molto per questa città, la maggioranza dei concittadini è contenta del mio operato, mi rivogliono. 
Certo questo non lo poteva dire: il suo operato o non operato è contestato a viva voce dai più, anche da molti dei suoi elettori, lo criticano pressochè tutte le Associazioni delle categorie economiche, ha distrutto il turismo la principale fonte economica del nostro territorio, è immobile e come un paracarro, al tramonto, in assenza di vento.
Il bello è che anche nel suo Partito nessuno lo vuole più e al solo sentir parlare di nuovo mandato, tutti si sentono male.
E' rimasto Lui con il gruppetto sempre più esiguo, di professorini amici....Lui e la sia Dignità.
Dizionario Treccani, DignitàCondizione di nobiltà morale in cui l’uomo è posto dal suo grado, dalle sue intrinseche qualità, dalla sua stessa natura di uomo, e insieme il rispetto che per tale condizione gli è dovuto e ch’egli deve a sé stesso.
La definizione della Treccani da l'esatta spiegazione del fenomeno Tambellini: nessun riguardo alla sua popolazione, al suo territorio a cui è stato chiamato, da una minoranza, ad amministrare, nessuna considerazione dei suoi doveri di Primo Cittadino, di colui che deve provvedere alla sua collettività, con dedizione, lavoro, impegno, creatività, progettualità. Nulla, solo la sua Dignità che "quattro pezzenti" di suoi compagni di Partito vogliono ferire, chiedendo le Primarie di uno Statuto parrocchiale. Dignità che gli ingrati lucchesi vorrebbero macchiare alle elezioni con una solenne "trombatura" invece di osannare una sua plebiscitaria riconferma "alla voce" come faceva una volta la Guardia Pretoriana Romana per eleggere il loro "Imperatore". 
Affermava Karl Kraus: "..... Il superamento della dignità umana è il presupposto del Progresso. E' una cosa che non serve a nulla.....!
I 
per L'asinone, francesco colucci

Karl Kraus 

Nessun commento:

Posta un commento