Translate

martedì 20 dicembre 2016

Lucca: una città .... di mormorii.... silenzi....misteri....

Lucchese focoso.... ma prudente...un antico detto fotografa bene la situazione della città. Vediamo alcuni esempi esilaranti:
  • Tambellini continua a tacere...neppure un sussurro sullo sputtanamento sui giornali prima ed ora in Consiglio Comunale, di un suo Assessore. Il silenzio è assordante...ma si sa, è sempre meglio un prudente.... omertoso..... silenzio.....alla Trasparenza.
  • Elezioni a Lucca, viste da destra: un candidato autorevole in pista da più di un anno cerca da tempo l'investitura dal centro-destra: Remo Santini, da molti anni apprezzato caporedattore della redazione di Lucca del giornale La Nazione. Tutti in città lo sanno da mesi....nonostante tutto questo attivismo, presenzialismo, sgomitamento, la sua candidatura non emerge da nessuna parte...solo mormorii....silenzi. Nei Bar si sussurrano di richieste esose fatte per lanciare la sua sfida elettorale, ma nel centro-destra vi è soprattutto una misteriosa perplessità....il timore di una.... "superfecondazione eteropaternale"
  • Una soluzione "focosa ma prudente" si potrebbe trovare candidando, per la parte avversa, Marco Innocenti, Caporedattore per moltissimi anni del giornale il Tirreno di Lucca.   Sarebbe una simpatica sfida, inedita e divertente: Tirreno contro Nazione, diventa Sindaco chi vende più copie del giornale. Il Quinto Potere ritorna nella sale cinematografiche di Lucca
  • Elezioni a Lucca, viste da sinistra: Stefano Baccelli è da oltre 4 anni il candidato in pectore dei renziani lucchesi e colligiani, per le Primarie a Sindaco. Pur nel più assoluto silenzio, sono usciti negli anni, mormorii autorevoli ovvero "voci dal sen fuggite", che confermavano la notizia, facendo logorare il povero Tambellini che sussurrava, ogni volta sempre più flebilmente, che poi e poi mai avrebbe fatto le primarie. Con il solito "culo tambelliniano", come scritto dal Sommo Poeta per Celestino V, "... vidi e conobbi l'ombra di colui che fece per viltade il gran rifiuto.."
  • Elezioni a Lucca, viste dal "Colle": Otto Von Bismarck soleva affermare che la "Politica è l'arte del possibile" ma con i dirimpettai del "Fanciullino" siamo alla esaltazione della perfezione: Scacco Matto in due mosse. 1)- Accordo "sofferto" con Tambellini, ascrivendosi il merito pubblico di ricompattare il PD concludendo anche una utile pace con Rossi, caso mai dovesse andare al posto di Renzi. 2)- Far candidare dal centro-destra un "friend of the hill" per vincere facile contro un Tambellini, indigesto ai più. Qui stiamo oscurando Ulisse e il suo cavallo di buona donna, per prostrare le invitte Mura di Lucca a  "Wašíčuŋ Tȟašúŋke" dell'Illinois e asservire la città del Garbo ai Rolandinghi del Colle di Caprona. 
  • Elezioni a Lucca viste da Matteo.....non quello vero..."quello de' noantri"....l'ha provate tutte: Primarie, Secondarie, Terziarie.......fa il paio con Nannipieri, per la sponda opposta, ad ambedue per Natale l'Asinone regalerà un disco di Tonino Carotone: "Me cago en el amor" Visto che il seggiolone "sindacale" non quaglia, ci sarà una loro sfida a due per una "sedia stercolaria" dove ogni Papa, nei secoli, si è seduto per far verificare che "Virgam et testiculos habet" verifica che Papa Giovanni VIII non superò... per passare alla storia come "la Papessa Giovanna".
  • Come disse Friedrich Schiller: "...Tutti giudicano secondo l’apparenza, nessuno secondo la sostanza..." ovvero: Non tutto quello che luccica è.... oro!!!

domenica 18 dicembre 2016

Il Sindaco Tambellini. l'Ipocrisia e il Marchese del Grillo

Ipocrisia: (dal Vocabolario Treccani) 
Simulazione di virtù, di devozione religiosa, e in genere di buoni sentimenti, di buone qualità e disposizioni, per guadagnarsi la simpatia o i favori di una o più persone, ingannandole.

Moralità e Coerenza:
Il Sindaco Tambellini, per quanto riguarda gli altri, ha rivendicato in ogni sua parola e in ogni azione, un Moralismo esasperato, il massimo Rigore, il rispetto esacerbato delle Regole. 
I Moralisti in genere sono inflessibili con tutti...ma con se stessi....quasi mai.
Tambellini non fa eccezione alla regola: Intransigente sempre... ma "adattabile" quando la cosa riguarda Lui.
Candidatura a Sindaco: Tambellini ha chiesto di essere confermato senza Primarie, frustando le legittime aspirazioni di altri eventuali candidati, in violazione alla Statuto del suo Partito, che da decenni lo elegge in Comune, Consigliere Comunale prima e Sindaco poi.
Lo Statuto del PD all'articolo 18 prescrive e disciplina le Primarie anche con un Sindaco PD uscente:  ".......Nel caso di primarie di partito, qualora il Sindaco, il Presidente di Provincia o di Regione uscenti, al termine del primo mandato, avanzino nuovamente la loro candidatura, possono essere presentate eventuali candidature alternative se ricevono il sostegno del trenta per cento dei componenti della Assemblea del relativo livello territoriale, ovvero di un numero di sottoscrizioni pari almeno al quindici per cento degli iscritti nel relativo ambito territoriale...."
Il rispetto delle regole Tambellini lo chiede sempre...ma solo agli altri...quando riguardano Lui.....diventa il Marchese del Grillo "....io sono io....voi siete un cazzo...."

Moralità e Trasparenza
Tambellini ha costruito la sua elezione a Sindaco cavalcando, al limite dell'odioso e del persecutorio, una indagine penale della Procura contro il Sindaco uscente Favilla, che si ripresentava alla elezioni.
Durante l'indagine, che casualmente si svolgeva a pochi mesi dal voto, il nostro moralista Tambellini ha strillato come un aquila nei corridoi della Procura, indetto conferenze stampa, si è eretto a Giustiziere alato, ha puntato il suo dito colpevolista.....per cavalcare l'onda giustizialista. 
Trascurabile, per lui, il fatto che dopo le elezioni, Favilla sia stato pienamente assolto dalla Magistratura Giudicante con sentenze definitive....
Tambellini con la sua spietata campagna sulla Moralità e sulla Trasparenza degli amministratori pubblici, in un momento così perturbato nella vita del Comune, è riuscito a farsi eleggere Sindaco, con una minoranza di voti su gli aventi diritto, che hanno disertato le urne, schifati.
Per la Vichiana teoria "dei corsi e dei ricorsi storici" oggi, a pochi mesi da nuove elezioni, il reportage di un Direttore di un Giornale on-line, racconta una brutta storia su un importante Assessore della sua Giunta. Accuse pubbliche, precise, particolareggiate, con fatti, nomi, foto e delibere. che gettano anche un ombra sul nuovo Piano Strutturale da poco presentato dallo stesso Assessore: Piano che apre alla possibile edificazione di importanti aree a verde della città.
Al di là dei contenuti e delle verità che non competano all'Asinone, il fatto grave è che sono state indicate pubblicamente presunte gravi irregolarità sulla correttezza di atti amministrativi di un Assessore della sua Giunta, in un silenzio assordante.
Tambellini che dice?? Il Moralista (con gli altri) il Campione della Trasparenza (altrui) non profferisce verbo e sta "coperto" come un talpone in galleria.
Dove è il Tambellini che urlava chiarezza e trasparenza a Favilla?
Non una parola, non un "...mi informerò..." oppure un legittimo: "...è solo spazzatura..."
Un silenzio che assume veste di omertà......
ma si sa che Lui è il Marchese del Grillo: "....io sono io....voi siete un cazzo...."

L'Asinone ricorda il Vangelo secondo Matteo:
"...Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che siete simili a sepolcri imbiancati, belli di fuori, ma pieni dentro di ossa di morti e di ogni sporcizia!..."

ma per essere alla moda anche una frase di Maometto, che sugli Ipocriti concorda.
"....Anche l'ipocrita ha tre segni di riconoscimento:
quando parla...mente
quando promette,...manca la promessa data
quando ci si fida di lui,....tradisce.










domenica 11 dicembre 2016

Le ultime "barzellette" sulla candidature a Lucca

Le ultime "barzellette" sulle candidature a Lucca
Nanniperi, il pisano, si autocandida per l'ennesima volta a Sindaco di Lucca, lo fa un giorno sì e l'altro pure. Lui fa capire per la Lega Nord, ma nessuno della Lega sa nulla, non la Maniglia segretario cittadino e neppure viene mai citato da Barsanti, agit prop sfegatato della Lega, che nei suoi blog straparla di tutto e di più. Sembra non saper nulla anche il Segretario Regionale che ha offerto insieme agli altri del centro destra, la candidatura ad un noto giornalista.
E allora ci sono più Leghe o solo un Mitomane?
Aldo Grandi, giornalista d'assalto, della brigata duri e puri, grandi scoop sulle elezioni di Lucca, ma stranamente ha bucato la notizia più importante, quella che sanno tutti in città, quella del candidato ombra del centro-destra, l'unico vero scoop. Forse il Grandi aspetta la "conversione" dell'Innominato Manzoniano per darne notizia.
Tutti vogliono fare il Sindaco di Lucca, tutti fuorché Stefano Baccelli. Tambellini è disposto ad uscire dal PD pur di riprovare. Garzella si arrapa come una scimmia al solo pensarci. In Agenda: 101% di candidati. Nel centro-destra stanno dando i biglietti e faranno una riffa a favore dei terremotati. Insomma tantissimi pretendenti.....salvo quello che forse molti vorrebbero e che, come Pietro, sta per fare il terzo rifiuto.
5 Stelle: Un silenzio impressionante...stranissimo perché anche lì 11 iscritti e 12 candidati, ma nessun problema tanto poi arriverà Grillo e democraticamente eleggerà lui..... l'eletto....alla candidatura......




martedì 29 novembre 2016

Battutaccia su i Grillini

Se vince il No
Grillo vuole subito elezioni anticipate......
....la truppa grillina sta già preparando.......
  le firme false 
per presentare la lista dei 5 Stelle.....




lunedì 28 novembre 2016

Appello al giornale La Nazione: qualcuno compri un pallottoliere!!!

Sulla cronaca di Lucca della Nazione è apparso a firma Fabrizio Vincenti, una intervista a Maurizio Marchetti, coordinatore di parte dei resti archeologici di Forza Italia a Lucca.
L'intervista è nella norma, anche piacevole, ma all'inizio dell'articolo una frase non virgolettata e quindi di difficile attribuzione o al Marchetti pensiero o alla libera interpretazione Vincentiana, si afferma .......lo sparuto gruppo di esponenti di centro-destra capeggiati da Marcello Pera.....
A chiunque, esposto o celato, abbia inspirato questa boutade, va comprato un pallottoliere:
I 16 Comitati di Liberi-SI' di Lucca che hanno aderito all'appello nazionale di Marcello Pera e Michele Urbani, hanno schierato a Lucca, in poco più di un mese oltre 300 attivisti, convinti, determinati e affiliati su domanda scritta.
Nel centro-destra i resti di Forza Italia ammontano a poche decine di iscritti schierati su due fronti contrapposti, più alcuni micro gruppetti di ex assessori nostalgici.
Nei Meloniani vediamo solo Santi e Guerrieri.
Per Salvini c'è un pisano, agitato come un passero solitario, che al contado cantando va....
In Agenda Lucca, sono rimasti in due e il titolare ha portato via il pallone.
Solo il PD ha una struttura ugualmente forte su Lucca, come Liberi-SI', ma loro sono così divisi, da essere due partiti in uno, un po' meno della Santissima Trinità. (con rispetto parlando)

Per il resto, sulla cronaca di Lucca della Nazione, si nota una frenetica presenza di notizie e commenti di parte sulle prossime elezioni lucchesi:  OCCOMEMMAI??
O...meglio.....Se son rose..fioriranno...!!!




domenica 27 novembre 2016

Referendum......da sbellicarsi dalle risa.....

Ridiamo insieme a crepapelle...... per una classi....fica delle stronzate.

Primo classificato: Titti, la moglie di Brunetta, Capo gruppo di Forza Italia alla Camera.
Era lei che, sotto un sigla anonima, offendeva da mesi Mattarella e Renzi, con post feroci, spesso falsi, contro il Referendum e gli uomini del SI'.
Brunetta ovviamente ha detto che..... non sapeva nulla.

Secondo classificato: Silvio Berlusconi
che ha così ha parlato di un suo successore: ".....di leader veri nelle politica di oggi ce n'è uno solo e si chiama Mattero Renzi......un mio erede spero ci sia, anche se finora questa scelta non si è presentata....."

Terzo classificato, il fine comico Grillo:
sul suo Blog: ".....Renzi ha una paura fottuta del voto e si comporta come una scrofa ferita che attacca chiunque veda......" 
Sempre fine...il nostro.... capocomico








lunedì 14 novembre 2016

Assessore Nannipieri....dietro la lavagna!!!

L'Asinone aveva denunciato più volte, settimane fa, che sul sito del Comune di Cascina, alla voce amministrazione trasparente, non compariva nulla dell'Assessore Nannipieri. Nada de nada.
Ed era vero! Mancante qualsiasi notizia su: curriculum, denuncia dei redditi, situazione patrimoniale
Infatti adesso sul sito del Comune appaiono finalmente anche le Sue dichiarazioni di legge, tutte con la data di luglio, ma con accanto la dichiarazione del Segretario Comunale che certifica pervenute al suo ufficio in data 11 novembre 2016.
Che figura assessore Nannipieri!!....vada dietro la lavagna.....
Chissà se il Sindaco ha applicato le sanzioni che il Regolamento Comunale prevede per questo genere di mancanza di trasparenza.
L'Asinone vorrebbe ricordare a quel giornalista che ha scritto: "...Nannipieri, storico dell'arte, è stato più volte preso di mira, direttamente e personalmente..." che lui non è un privato cittadino che ha diritto alla sua privacy, ma un pubblico amministratore, un assessore rampante, che fa la morale agli altri un giorno sì e l'altro pure e....come tutti i moralisti....predica bene ma razzola male.
Ma non solo......consiglierei al giornalista e non solo a lui di andare a vedere sul sito del Comune di Cascina, questa denuncia dei redditi, ex-desaparecida......mah......!!!!!!!!



domenica 13 novembre 2016

L'Ombra pisana sull'elezione del Sindaco di Lucca

Ormai è certo: non solo l'Ombra della Massoneria ma anche un'Ombra pisana si addensa sull'elezione del Sindaco di Lucca!!
Il pericolo è ancora più tremendo perché sembra trattarsi di un Ombra pisana di periferia.
Già interessata l'Interpol, la Cia, la Stasi e Tonin di Burio, il cui fiuto nel scovare i pisani rimpiattati è proverbiale.
Una domanda assilla gli amanti del Garbo: è più pericolosa per Lucca l'Ombra della Massoneria o l'Ombra pisana??? ma che cavolo, il peggio certamente è...... l'Ombra di un Pisano Massone.
Evochiamo una terza Ombra, quella di Shakespair, per avere un risposta al dilemma: to be or not tu be? this is the question!
Una voce dal sen fuggita consola i tre o quattro fans....dell'agenda lucchese....
Nescit vox missa reverti.........direbbe Orazio.




venerdì 11 novembre 2016

Pinocchio Nannipieri

L'Asinone torna a parlare di Nannipieri solo perché è apparso su Facebook questo suo intervento:
"Il duomo della mia città deve essere gratuito, non a pagamento. 
I politici non ne parlano perché hanno paura di mettersi contro al Vescovo. Io non ho paura di niente se difendo un principio sacrosanto."
Siamo strabiliati: un pisano, si perché Nannipieri è pisano, forse anche di periferia, si permette di sciacquarsi la bocca su San Martino e il nostro Vescovo, definendo Lucca, "la MIA città" salvo che, sbugiardato anche sul web, corregge..... nella mia città di... adozione!
Vada retro Satana di un pisanaccio!  Chi ti ha adottato? Nessuno.....ti vuoi appropriare furbescamente da buon Pinocchio, della Lucchesità..... che un pisano MAI e poi MAI potrà avere.
Un bis-pinocchio perchè, assessore al Comune di Cascina, sul sito del Comune, non appaiono ancora le sue dichiarazioni di trasparenza previste dalle legge.
E allora ricordiamo a lui, al suo Sindaco, all'autorità anti-corruzione le pene previste per questa deficienza:   .......l'ammontare della sanzione amministrativa pecuniaria da applicarsi ai sensi dell'art. 7 del vigente Regolamento per la pubblicità e trasparenza della situazione patrimoniale ed associativa degli amministratori e degli altri soggetti obbligati, approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 16 luglio 2013:
a) sanzione da euro 500,00 (cinquecento) ad euro 6.000,00 (seimila) per la parziale ottemperanza
b) sanzione da euro 3.000,00 (tremila) ad euro 10.000,00 (diecimila) per la totale inottemperanza.











venerdì 4 novembre 2016

Luca Nannipieri...predica bene... razzola male....

Un nuovo fenomeno politico si affaccia nel ring della politica lucchese. Luca Nannipieri.
Dirigente del Nuovo centro-destra di Alfano, portato a suo tempo a Lucca da una brava Preside che ha fatto carriera, frequentatore dei salotti di Agenda Lucca, sul suo sito FB si definisce:
"Saggista, scrive di arte e beni culturali su Libero, Il Giornale, Europa. Direttore del Centro studi umanistici dell'Abbazia di San Savino". 
Il suo sito www.lucanannipieri.com non si apre e resta il mistero sul resto.
Collocazione politica odierna: ignota.
E' assessore alla Cultura e altro al Comune Leghista di Cascina, lo stesso comune ove ha sede il suo Centro Studi Umanistici che ha tra gli obiettivi  ".... Presso l'Abbazia di San Savino in Pisa, il Centro Studi Umanistici lavora quotidianamente con l'obiettivo di costruire un forte polo culturale ed educativo....."  
Tutto casa e bottega..... allora.
La cosa che ha sollecitato l'attenzione pelosa dell'Asinone è il Sito del Comune di Cascina alla voce trasparenza: Il Sindaco e tutti gli altri assessori hanno correttamente evidenziato le loro situazioni patrimoniali, le spese elettorali, la dichiarazione dei redditi. 
Tutti.... meno che il nostro assessore Nannipieri. 
Come mai? E' un errore del Comune? o una sua reticenza?
Il Sindaco di Cascina non ha nulla da dire? 
L'Autorità Nazionale Anticorruzione nulla?
Per uno che si ritiene rampante in politica la mancata trasparenza è dato poco raccomandabile e potrebbe anche portare alla "morte politica" prematura. 
Dio ce ne scampi e... liberi....ovviamente...











martedì 25 ottobre 2016

Le elezioni d Lucca, 2°parte "il centro destra": fra barzellette e cose serie.

Nel centro-destra prevale ad oggi una sensazione al ribasso, per cui, a volte, si ricercano singole candidature a Sindaco per essere eletti consiglieri, più che pensare a vincere il Comune.

  • Marchetti, era il candidato in pectore della parte di Forza Italia ortodossa e centrista: ora sderenato dalla inaspettata debacle in Altopascio....Vae Victis.... 
  • Martinelli, da sempre Matteoliniano, spera nell'appoggio dei duri e puri di Forza Italia e dei Salviniani: ...anche la Speme, ultima dea, fugge i sepolcri; e involve tutte cose l'obblio della sua notte....come disse il tenebroso Ugo.... da Zante.
  • Buonriposi, centrista, perfetta candidata del "futuro" Partito della Nazione:... Adda venì baffone” 
  • Agenda Lucca, tre iscritti.... quattro candidati a Sindaco: ...troppa grazia......Sant'Antonio... 
  • Chiari, di Alternativa Civica: ....John Niven.... "The Second Coming."
  • Tagliasacchi, n.2: una versione fantasiosa ma insistente lo immagina candidato "occulto" di importanti esponenti "salmastrosi" di Forza Italia e di "femminei" esponenti Confindustriali: ...Neville ...il Potere creativo dell'Immaginazione..... 


  •  Candidati in "sonno"

    • Santini (Remo), ove le schegge impazzite del centro destra si convertissero all'unità invocando "il Salvatore" potrebbe rendersi disponibile: ....  lo vedo, ma non ora; lo guardo, ma non da vicino: una stella si muove da Giacobbe, si alza uno scettro da Israele...Baalam 24:17
    • Liberi-SI, dopo il prevedibile successo del SI' a Lucca, le folte schiere accorse al grido di dolore di Marcello Pera, potrebbero volare alto, con un candidato tutto nuovo, fuori dagli schemi, per un riscossa di Lucca: L’aspettazione differita fa ammalare il cuore, ma la cosa desiderata quando avviene diventa realmente un albero di vita! ....Salomone....i Proverbi.....dalla Bibbia. 

    lunedì 24 ottobre 2016

    Le elezioni a Lucca: fra barzellette e cose serie. 1° puntata, centro-sinistra

    In questa prima puntata l'Asinone commenta le candidature emerse nel centro sinistra, nella seconda quelle del centro-destra, nella terza quelle populiste.

    Nell'affollata area del PD vi è un intasamento di candidature al vento:
    • Quella dell'improponibile Tambellini sostenuta da un manipolo di "adepti" personali, come del resto è composta la sua Giunta, che per sembrare tanti e diversi fanno "ammuina" che il Capitan Cafiero così codificò: Tutti chilli che stanno a prora, vann’ a poppa e chill che stann’ a poppa vann’ a prora; chilli che stann’ a dritta vann’ a sinistra e chilli che stanno a sinistra vann’ a dritta; tutti chilli che stanno abbascio vann’ coppa e chili che stanno ‘ncoppa vann’ abbascio; chi nun tiene nient’a ffa, s’aremeni a ’cca e a ‘lla»..
    • Quella del "giovane" Garzella, un auto-candidato serio e bravo, che fa simpatia per una battaglia che avrebbe ispirato certamente il buon Miguel de Cervantes, per una versione lucchese de: El ingenioso hidalgo don Quiijote de la Mancha.
    • Quella "fantasma" di Baccelli, un candidato molto forte ma che il buon  William della perfida Albione avrebbe così descritto: To be, or not to be, that is the question: Whether ’tis nobler in the mind to suffer The slings and arrows of outrageous fortune, Or to take arms against a sea of troubles, And by opposing end them?
    • Quella del garfagnino Tagliasacchi, succosa e misteriosa come un Linchetto: ma in casa PD  si stanno ammassando quintali di potature di Ginepro.
    • Quella del "viareggino" Del Ghingaro, uomo volitivo e concreto: ma che evoca a naso           " Salmastro e sorrisi in salsa versigliese" che la  Compagnia "Versiglia in bocca"  ha lanciato in Vernacolo Viareggino.
    Candidati in "sonno":
    • Quella della Mammini, che nel caso di esplosione atomica sulle altre candidature è speranzosa di mettere a frutto il genere di specie e....il Piano Strutturale.





    giovedì 13 ottobre 2016

    5 Stelle: Comico il Leader, Comica la Democrazia interna.....

    In questi giorni gli iscritti certificati dei 5 Stelle, stanno votando sul nuovo regolamento e il non statuto (sic) predisposto dal "Leader Massimo" Dux supremo Grillo, che campa facendoci ridere nei teatri e.... non solo.
    L'asinone legge su Repubblica it e il Giornale it, le dichiarazioni attribuite a elementi di spicco dei grillini, con nome e cognome, che sembrano aver iniziato a vedere le storture di un sistema di potere e di governo che Grillo e la ditta Casaleggio hanno messo in piedi per continuare a tirannaggiare, loro soli, su i 5 Stelle.
    Le questioni emerse sono:
    • Per la legge italiana, nelle votazioni delle associazioni non riconosciute come vogliono essere i 5 Stelle, per essere valide, devono esprimersi il 75% degli iscritti....ma solo Casaleggio sa quanti sono e chi sono e quindi solo gli inevitabili ricorsi alla Magistratura potranno dirci se tutto è stato regolare.
    • Grillo e Casaleggio dovrebbe dire pubblicamente ora quanti sono gli iscritti certificati che hanno diritto al voto e forse dovrebbe pubblicare i nomi, per un Movimento che ha fatto della trasparenza il suo credo, se no si comportano come tutti....anche gli iscritti della Massoneria sono giustamente riservati, non segreti. Grillo la critica ferocemente e poi si comporta uguale, anzi peggio perché gli iscritti alla Massoneria sono stati a suo tempo pubblicati.
    • Chi non ha ancora votato riceve inviti pubblici, da Grillo e dagli altri capoccioni, ma anche numerosi pressanti inviti privati, per e.mail, a votare. E forse stalking? 
    • Queste e.mail le può mandare solo Casaleggio, che ha gli indirizzi, un oppositore che volesse invitare gli iscritti a non votare per protesta non lo può fare.
    • Casaleggio, lui solo, vede in diretta chi ha votato e chi no e quindi ha da solo il controllo del voto e i nomi di chi ha deciso di non votare......saranno espulsi?? Chissà.
    • Nel regolamento in votazione c'è anche la "democratica norma" che si può cambiare il regolamento se si raccolgono 500.000 (si cinquecentomila) firme fra gli iscritti certificati. Ma se gli iscritti li conosce solo Casaleggio, solo lui lo può fare...gli altri come potrebbero farlo? E inoltre sembra che tutti gli scritti certificati siano assai meno di 500.000......quindi una norma che prende solo per il culo.....
    • Solo Casaleggio, sa chi è iscritto, come ha votato, se non ha votato. Tutti sono schedati e le schede sono nella mani di uno solo, nessun controllo. Neppure la "Buonanina" si è mai comportata così.
    • 5 Stelle, una  grande espressione di democrazia "pelosa": E' con questi metodi che vorrebbero governare l'Italia?...... Grazie no, abbiamo già dato......


    sabato 8 ottobre 2016

    Un Tambellini senza casco in piena campagna elettorale

    Il buon Stefano Baccelli sfoglia la margheritina: vado o non vado.
    Il giovane Matteo Garzella, scalda i motori.
    Il Tambellini non perde occasione per farsi propaganda a basso costo.
    Il "mitico distruttore" Sindaco uscente, scalda le sue residue speranze di Ri-Sindacarsi svendendo Lucca al pisano Rossi e allestendo schiere di decotti vetero-comunista locali e mentre tutti ora fanno Comitati per il SI, Lui fa Comitati per SE.
    Ultima trovata un giro in Vespa con l'Autieri, ad una presentazione mondana.
    La foto è ambigua come sempre: potrebbe essere stata fatta con la Vespa sul cavalletto, ma non si vede e potrebbe anche essere fatta girellando per Piazza del Giglio.
    Comunque sia, cavalletto o no, gli "attori" sono senza casco, dando un ennesimo brutto esempio alle nuove generazioni di vespisti e motoristi.
    Dove è la Polizia Municipale? Se la Vespa era in movimento il Sindaco va multato per l'assenza del Casco, se la Vespa era sul cavalletto poiché non si vede, va multato per istigazione a non osservare una legge dello Stato.
    Intanto il Matteo, scalda; lo Stefano, pensa; tutti gli altri, dormono.

    domenica 25 settembre 2016

    I Quaquaraquà del Web.

    La moderna società vede alcune grandi novità legate al Web, che fanno veramente pena e gli attori convinti di essere "ganzi" ne sono invero vittime sacrificali.
    1. Killeraggio anonimo: ovvero la facoltà di deridere, offendere, sbeffeggiare sul Web, in maniera anonima, i pensieri di persone, enti, aziende, partiti, che comunicano le loro idee. Solo una società malata come la nostra può considerare "normale e giusto" che si possa con il pusillanime anonimato continuare a bersagliare, dileggiare chi esprime le proprie idee firmandole. In politica poi si consente così, ad avversari politici, falsi e disonesti, di "attaccare" gli avversari scagliando maldicenze e insinuazioni senza mostrare la mano. La barbaria della politica.
    2. Insultatori Professionali: ovvero quelle poche decine di persone, sempre le stesse, che a ogni uscita sul Web del Premier Renzi o di un altro qualsiasi politico, commentano acidamente o più spesso volgarmente, lanciando offese e insulti. Sono sempre gli stessi. La classe politica a volte non indovina alcune scelte, ma che ogni posizione politica espressa sul web, venga sempre dileggiata, schernita, offesa e sempre dalle stesse persone mi sembra più che l'espressione di un diritto costituzionale alla critica, l'espressione di una malattia geneticamente trasmissibile. Su un quotidiano sportivo on line un utente anonimo riporta su ogni articolo in cui si parla della Juve, uno stesso commento pieno di odio contro John Elkann e lo ripete sempre uguale, copia e incolla, da anni, più volte il giorno. Finirà così anche con Renzi, come lo è stato in passato con Berlusconi: siamo nel delirio, non nel diritto.  
    3. Sadismo d'autore, ovvero il diffondere criminalmente notizie false, anche di morti improvvise di personalità, perpetrato sul web al solo fine di guadagnare sui clik ottenuti. Perversità criminali..
    L'Asinone si è posto una domanda: come mai in un paese come il nostro ove si legifera e si regolamenta anche il crescere dell'erba, nulla si è fatto per disciplinare almeno in parte questi comportamenti quanto meno poco ortodossi, che rendono un bellissima cosa come libertà del Web, invivibile e a rischio chiusura?
    La risposta mi è venuta ricordando un episodio della mia infanzia:
    Mio padre, maresciallo della Guardia di Finanza, lavorava in Toscana, ma aveva sposato mia madre di Napoli e a volte, in ferie, mi portava a Napoli a trovare la nonna. Da bimbetto, girando con lui per il centro, vedevo da ogni parte banchetti ove donne urlanti vendevano sigarette di contrabbando. Un giorno fu spontaneo chiedere perché la Guardia di Finanza di Napoli, non facesse nulla per impedire la vendita in pubblico di sigarette di contrabbando. La sua risposta mi fece iniziare a capire come complicato sarebbe stato il vivere in questo paese. Mi disse infatti che lo Stato tollerava che a Napoli si vendessero in strada sigarette di contrabbando perché non essendovi nel dopoguerra lavoro e solo una grande miseria, il non contrastare la vendita al minuto di merci di contrabbando consentiva al popolo, di tirare a campare, in qualche maniera, senza pensare ad altro.
    Ecco, credo che in questa storica verità, con questa parabola, sia da leggere la vacua libertà lasciata sul Web, all'offesa dei "potenti".
    La gente frustata si sfoga, si perde in offese gratuite sul web, spesso anonime e la sera cena contenta e poi dorme felice.....

    L'Asinone




    lunedì 12 settembre 2016

    Atto Fascista o.......Leninista?

    Aldo Grandi, giornalista atipico, via via la fa "fori dal vaso".
    Anche questa volta ha sbagliato gravemente ad affermare che Renzi andrebbe fucilato alle spalle, come traditore (del Paese presumo).
    Giuste quindi le aspre condanne di quanto è avvenuto.
    Non sono d'accordo neppure a cercare di alleviare il mal fatto, citando De Luca, Presidente Campania o Grillo, per quello che dice in ogni comizio.
    Se uno sbaglia, ha sbagliato anche se altri sbagliano.
    Quello che non condivido nella giusta reazione del PD Toscano è chiamare il deprecabile fatto "minaccia fascista"
    Perché aggiungere un aggettivo "politico" ad un atto grave ma che giunge da un giornalista e non da un partito?
    Perché allora non chiamarlo "minaccia stalinista" o leninista o comunista.
    Forse i PD pensano che solo i Fascisti si sono resi colpevoli in passato di gravi attentati politici?
    Stalin, Lenin tutti i dirigenti comunisti delle repubbliche sovietiche non hanno perseguitato, assassinato, milioni di persone solo perché la pensavano diversamente, perché non erano allineate al potere comunista.
    E allora? Forse alberga ancora nei post comunisti del PD la convinzione che tutto il male della storia sia solo e soltanto stato a destra e che invece a sinistra vi sono stati "solo bravi compagni che sbagliano", come per anni hanno giustificato gli assassini delle Brigate Rosse o patrioti bolscevichi che difendevano la rivoluzione proletaria massacrando milioni di persone......
    Forse perché le fosse comuni dove sono sepolti anche migliaia di italiani sono lontane....e lo strabico occhio sinistorso non ci arriva e si sa..... occhio che non vede............cuore che non sente......

    L'Asinone
    by francesco colucci





    giovedì 8 settembre 2016

    Cinque Stelle: tragica comicità!

    La prima vera prova di governo per i Cinque Stelle si sta rivelando ogni giorno di più una straordinaria commedia comica, se non ci fosse da piangere.
    D'altronde da un Movimenti ideato e fondato da un Comico come Grillo come potevamo aspettarsi altro?
    Nuova Giunta Pentastella di Roma:
    • Costruita fra lotte di bande, con il democristiano "manuale Cencelli" fra le varie fazioni personali.
    • Nominando un tecnico indagato da tempo e da prima, come Assessore. 
    • Proseguita con continue pugnalate alle spalle fra i loro leader e gli assessori in carica 
    • Nobilitata da nuovi funzionari "politici grillini" prontamente insediati a stipendi da favola.
    • Scassata da dimissione di assessori e dirigenti fatti fuori dalle lotte interne per il potere
    • Esaltata di menzogne, mancata trasparenza: Ha mentito la Sindaca, l'Assessore, Di Maio, tutto il Direttorio Pentastellato, che si è dimesso.
    Il bello che hanno fatto tutto da soli, nessuno ha messo mano a questo loro cataclisma, ma ciò nonostante il Leader che non vuole appannare le sue capacità comiche dichiara che sono i "poteri forti" ad opporsi al cambiamento che i Cinque Stelle vogliono portare avanti.......
    Se i cambiamenti sono questi "arridateci il puzzone".
    La Comicità di tutta la vicenda è che l'Assessore nominato dal Sindaco, è stata per 12 anni la consulente profumatissimamente pagata, dell'azienda dei rifiuti e in quegli anni i "poteri forti" proprietari di discariche, trituratori, servizi hanno fatto miliardi.
    I  Grillini ci vogliono far credere che i grandi speculatori della monnezza romana, vogliano disfarsi di un assessore, consulente dell'azienda rifiuti, con cui hanno fatto i migliori affari e che è sotto indagine per reati ambientali, legati agli smaltimenti e per aver riaperto, come prima atto da Assessore, il trituratore dei soliti noti, chiuso dal Dirigente dimessosi, forse proprio per questo.
    Non parliamo di Di Maio, leader in pectore del futuro governo grillino. Ha mentito e a giusticazione ha detto che la mail che l'informava di tutto l'ha "sottovalutata"..... non letta bene......una mail dove si parlava di una vicenda che da un mese è su tutti i giornali, in tutti i TG, in tutti i blog grillini:
    ma ci faccia il piacere...avrebbe detto il grande Toto, comico vero.....questi sono solo guitti da strada.

    L'Asinone

    by francesco colucci





    lunedì 15 agosto 2016

    Politica: Pettegolezzi di Ferragosto.....

    Si infiamma l'agosto politico di Lucca, con fatti curiosi e silenzi assordanti.
    La maggioranza Renziana del PD non vuol ripresentate il Sindaco Tambellini, giudicando la sua esperienza amministrativa disastrosa e soprattutto "venduta" al Presidente della Toscana, Rossi, accusa infamante per Lucca, da sempre gelosa dei suoi tesori e della sua autonomia.
    Il disegno dei Renziani è il "segreto di Pulcinella": facciamo finta di essere d'amore e d'accordo nel PD, per vincere il referendum di novembre, poi facciamo le primarie e leviamoci dalla palle, l'inetto e pericoloso Tambellini.
    Il loro candidato "in pectore" è Stefano Baccelli, ottimo amministratore, di famiglia DC, bona e fidata.
    Questa strategia renziana lucchese porta poco lontano, perché i segreti di pulcinella hanno la gambe corte e tutti gli anti-renziani sono assiduamente a lavoro per distruggere sul nascere questo disegno.
    Il "ci sarò.... non ci sarò" finisce anche per danneggiare mediaticamente la futura, autorevole, candidatura Baccelli.
    Chi si espone per ora è il solo Garzella, giovane e attivo Presidente del Consiglio, che vuole giustamente partecipare alla Primarie per costruire una sua prospettiva politica, dando nel contempo una mano al buon Baccelli.....non facendolo esporre, nel chiedere le Primarie ora....
    Il Sindaco Tambellini, un "tarpone di vecchio pelo" reagisce facendo impallinare dai suoi "sgherri" il Garzella, per dare prova della sua determinazione a vendere cara la pelle e far uscire subito allo scoperto i suoi avversari. Vuole la sua libbra di carne sanguinante! Povero Matteo2, chi ti difenderà?
    In questo, si presenta inaspettato, rumorosamente, sulla scena: Tagliasacchi.
    Prima domanda: Perchè? o meglio Cui prodest?
    In un altra situazione politica sarebbe certo un candidato autorevole, preparato, ma in questo contesto politico, che centra?
    Può esistere una sua candidatura a Sindaco PD, senza passare dalle Primarie, scalzando Tambellini?
    No! Solo fuori dal PD..... Del Ghingaro docet.
    L'accorto Tagliasacchi lascerebbe la sua attuale posizione di Sindaco di Castelnuovo, con ancora anni davanti, per fare il candidato, contro il PD ufficiale?.... magari imbarcando autorevoli esponenti del centro-destra?
    Fantapoltica: Baccelli candidato del PD, Tambellini candidato fuori del PD con l'estrema sinistra, Tagliasacchi, candidato fuori del PD con parte del Centro-destra. Surreale....!!!
    E' noto che Tagliasacchi è stato sempre un uomo del "colle", ma nella versione femminile.
    La sua sponsor di sempre è stata di recente nominata dal Sindaco di Viareggio, Del Ghingaro, Presidente del Carnevale, nomina tecnicamente ineccepibile, ma curiosa: Andrea Marcucci è stato sponsor attivo e autorevole del candidato PD contro Del Ghingaro a Viareggio, che è stato anche cancellato dagli iscritti al PD.
    Lo stesso del Ghingaro nomina la sorella del Senatore, ex vice Presidente della Toscana, come sua importante fedele collaboratrice. A Viareggio il Carnevale è tutto.
    Che intreccio!!
    Per di più, il Del Ghingaro, se il Consiglio di Stato, non lo rimette in sella a Sindaco di Viareggio, lascia trapelare che si potrebbe presentare anche lui, a Sindaco di Lucca.
    Un quarto candidato fuori dal PD, perché senza tessera, però nella stessa area di centro-sinistra!!
    Cosa sta succedendo a sinistra?
    Nuovi-vecchi cavalli di razza, si riaffacciano improvvisamente sulle scena politica lucchese.
    Solo per fare il Sindaco di Lucca? Sia pure con un nuovo appetibile Piano Strutturale da gestire?
    Difficile pensarlo. Non sarà che l'avvicinarsi delle elezioni politiche, centri qualche cosa?
    O forse qualcuno spera che il NO vinca e si prepara per un nuovo gioco politico a tutto campo?
    Con la massima Lampedusiana "....cambi tutto... perché nulla cambi...."
    "...Ai posteri l'ardua sentenza..."

    L'Asinone rinvia tutti alla prossima puntata di "Pettegulezzi"

    L'Asinone by francesco colucci






    venerdì 12 agosto 2016

    Miracolo a Lucca: riapre la Passerella del Nottolini

    Questo il comunicato apparso stamani sul sito del Comune di Lucca:

    Riapre la passerella a Sorbano del Giudice - 12 agosto 2016

    Conclusi tempestivamente gli interventi - a cura di società Autostrade per l’Italia SpA - di manutenzione alla passerella di attraversamento dell’autostrada A11 in località Sorbano del Giudice, struttura che permette agli utilizzatori del percorso ciclopedonale lungo l’acquedotto del Nottolini di oltrepassare l’autostrada. E’ stata quindi revocata prontamente dai tecnici comunali di competenza, in data odierna, l’ordinanza di chiusura della passerella e dato mandato di rimozione delle transenne di sbarramento, al fine di rendere la passerella nuovamente usufruibile.

    L'Asinone non ha parole......raglia a bocca aperta e basta

    PS: Credo che un grazie andrà dato all'Assessore Celestino Marchini, galantuomo, dotato di tanto buonsenso ed  uno dei pochi a non aver conferito il cervello all'ammasso........
    Celestino tienili a bada...se no questi fanno dei danni davvero........ 

    L'asinone by francesco colucci



    giovedì 11 agosto 2016

    Il Vangelo di "Matteo secondo".....

    Un Asino grosso disserta su Matteo 2, alias Garzella, Presidente del Consiglio Comunale di Lucca, perché la Satira suole colpire i Potenti e difendere i più deboli.
    Gli attacchi che riceve dal suo Partito e dalla sua Maggioranza ricordano le purghe di staliniana memoria. Ogni Tiranno suole massacrare i suoi collaboratori ogni minimo sospetto di "non prona fede".
    Tambellini, un Sindaco eletto dal 30% degli elettori e che ha così "ben operato", che almeno i due terzi di quel misero 30% lo vogliono cambiare, difende la sua poltrona attraverso "bravi" che chiedono la testa di tutti coloro che attentano alla rielezione del Capo.
    Il Partito Democratico di fatto non esiste più, diviso ferocemente su tutto, fra Comunisti veraci trinariciuti e Populisti generalizzanti. Ha nel suo Statuto, la possibilità di ogni iscritto di chiedere le Primarie, poi si criminalizza il Presidente del Consiglio, solo per il fatto di aver chiesto quanto previsto dallo Statuto. E si chiamano pure Democratici!
    Il Sindaco Tambellini vuole essere confermato, forte dell'appoggio del Presidente della Regione, Rossi, a cui sta "regalando" pezzi di storia lucchese e visto che a Lucca, non lo vuole più nessuno, compreso il suo partito, sta cercando di "far fuori politicamente" tutti i pretendenti al suo seggiolone.
    Non essendo prevista una alluvione del Serchio che affoghi Baccelli, Garzella, Del Ghingaro, le truppe cammellate di Tambellini, si avventano, gridando al tradimento, sul primo richiedente le primarie, nella speranza che "uccidendo" il primo gli altri.... desistano.
    Quale tradimento? il Presidente del Consiglio Comunale non è nominato dal Sindaco, è eletto dal Consiglio e a lui risponde.
    Matteo Garzella è ambizioso, un pregio per un giovane che si impegna in politica sacrificando affetti e tempo e di tutti i PD che hanno "infestato" l'Amministrazione Tambellini, è l'unico che ha dimostrato apertura mentale, disponibilità, impegno, capacità e umiltà, rifuggendo il servilismo e l'immobilismo peloso che tanto piace ai catto-comunisti locali. Peccato che sia del PD.!
    L'Asinone da a Garzella un consiglio: Cambi nome, al posto di Matteo, che non incontra nei trinariciuti tambelliniani, scelga Alessandro, forse con un colpo di "culo" potrebbe diventare Sindaco pure lui!

    L'Asinone, by francesco colucci


    Passerella del Nottolini: siamo alle "Comiche"

    Di fronte alle proteste vibrate per l'assurda decisione di chiudere per Ferragosto l'attraversamento della Passerella del Nottolini, bloccando il percorso di una delle più belle passeggiate ecologiche di Lucca, il Comune ha risposto in questo modo: Giunte alcune segnalazioni di cittadini sul cattivo stato degli scalini della Passerella, costato da parte di alcuni tecnici il pessimo stato di manutenzione è stato inevitabile la chiusura della Passerella.......Il Comune ha contattato la Società Autostrade, che ha assicurato un rapido intervento, senza però indicare tempi certi."
    Ci sarebbe da sbellicarsi dalle risa se non ci fosse in gioco l'interesse dei cittadini e la dignità della città, palesemente ormai in mano "agli ultimi padroni".
    L'Asinone vive vicino alla Passarella, che è da 4 anni e forse più in queste condizioni, qualche scalino in pietra, nella parte terminale, in parte diroccato, ma con possibilità di passaggio senza alcuna difficoltà. Dopo oltre 4 anni ci è voluta la segnalazione di un cittadino per accorgersi degli scalini sbrecciati? Dopo quattro anni che tutti passano da questi scalini, si deve inevitabilmente chiudere il passaggio? Visto il tempo trascorso senza incidenti non potevasi mettere dei cartelli invitando la prudenza e delimitare la parte degli scalini sconnessi con dei nastri di protezione, per il periodo di Ferragosto? La verità che una volta informati di una cosa di cui era loro dovere accorgersi anni prima i dirigenti o amministratori del Comune si sono voluti parare il solito culo, infischiandosene degli interessi della città. Il mio culo...prima di tutto...come al solito.....
    L'aggravante finale: se i lavori competevano alla società Autostrade come mai il Comune in quattro anni non ha sentito il bisogno di chiedere il loro intervento per la manutenzione??
    Forse era troppo fatica alzare il loro culo dalle poltrone comunali per verificare la sicurezza del passeggiata e del monumento?
    Se decidessero di fare il loro dovere su uno dei Monumenti più significativi della città, dovrebbero anche accorgersi che:

    • I grandi trattori con cui ogni tanto si degnano di tagliare l'erba del percorso pedonale, stanno brecciando gli angoli delle colonne perchè hanno difficoltà di manovrare, dove una volta si interveniva solo con i frullini a mano.
    • I pioppi abbandonati da privati hanno invaso chiudendola la fossa demaniale e si appoggiano pericolosamente sulle arcate dell'acquedotto, già in parte disassate per il peso delle chiome e del vento.
    • I Ponti sull'Ozzeri e sul Rogio sono nello stato di abbandono come e forse di più della Passerella.

     L'Asinone potrebbe continuare per molto ancora ma sarebbe tempo perso: questi Amministratori hanno una presunzione pari solo alla loro incapacità.

    domenica 7 agosto 2016

    Il Sindaco Distruttore......continua

    Ho letto che hanno chiuso la passerella sull'autostrada che consentiva alle centinaia di persone per lo più straniere di percorrere a piedi o in bici l'Acquedotto Monumentale del Nottolini, da Tempietto alle Parole d'Oro.
    Una bellissima passeggiata di circa sette km, nella verdissima campagna lucchese.
    Motivo: la Passerella ha bisogno di manutenzione.
    Ottimo...... in agosto?
    Ce ne siamo accorti solo ora?
    Sono anni che ha bisogno di manutenzione.
    E' forse inagibile e quindi pericolosa?
    No! arrugginita, qualche scalino consunto, qualcuno rotto, ma da anni.... non da settimane.
    E il Distruttore chiude!
    Come ha chiuso il Museo del Fumetto, il Museo della Città, come ha distrutto l'arredo urbano, la pulizia, il servizio di raccolta urbana, la vivibilità della città, le strade, il verde pubblico, il Turismo, la Cultura.
     Un Sindaco che non rischia mai.
    Appena ci può essere il pericolo di un piccolo intoppo, un turista che scivola sui gradini consunti...si chiude..... non si manda a fare la manutenzione, a mettere qualche cartello di prudenza
    No, si chiude e tanti saluti a tutti.
    Il Distruttore ha colpito di nuovo.

    l'asinone, by francesco colucci


    domenica 31 luglio 2016

    Misteri "neri" dell'accoglienza

    Continua la caccia spietata da parte di Prefettura e Comune ad alloggi da dare ai troppi immigrati "provvisori" ospitati a Lucca, spargendoli per tutto il territorio.
    Con due risultati probabili: una potenziale continua speculazione dei soliti furbetti e un aumento potenziale di rischi per la popolazione lucchese.  
    Rimane la curiosità di sapere come mai i nostri potenziali rifugiati sono tutti giovani maschi, pochissime donne e infanti, nessun anziano.
    L'Asinone è andato giorni orsono alla farmacia dell'Ospedale, che è rimasta a Campo di Marte e ha avuto un erezione delle lunghe orecchie: 
    Come mai non si utilizza uno dei reparti abbandonati dell'ex ospedale per l'accoglienza? 
    In alcuni fabbricati sono rimasti anche i letti. La cucina, la mensa e la lavanderia sono ancora disponibili, per cui sarebbe necessario spendere solo per qualche aggiustatura e per qualcuno per cucini i pasti e lavi la biancheria. Il letto questi baldi giovani se potranno rifare anche da se.
    L'Asinone si chiede: come mai di fronte all'emergenza di accoglienza questa soluzione non è venuta fuori?  Speriamo che ci sia un valido motivo e che...... ci venga spiegato.!
    L'Asinone come noto è favorevole a quanto l'Europa ha stabilito: Accoglienza ai rifugiati, che fuggono da paesi in guerra. Contrario invece, ad una immigrazione selvaggia, da provenienze sicure, tesa solo alla ricerca di lavoro, perché il lavoro manca anche in Italia per i giovani e meno giovani e non ha senso rendere sempre più drammatico per tutti il problema occupazionale, con una immigrazione incontrollata, che oltretutto ci costa in termini economici e di sicurezza.

    l'Asinone by francesco colucci


    giovedì 28 luglio 2016

    Secchiate di sterco............!!!!

    Il Presidente della Regione Toscana, piddiino e pisano, Rossi aggredito e ricoperto di sterco alla Festa dell'Unità di San Miniato da operatore economico, sembra anche lui iscritto al PD.
    L'Asinone è contro ogni forma di violenza e condanna con fermezza il fatto accaduto, esprimendo solidarietà alla famiglia Rossi. 
    Certo che è bellino!!! 
    Chi? Due Pisani.
    Chi? Due PD.
    Dove? al Festival dell'Unità.
    Cosa? Una secchiata di merda.
    Perché? Rossi per presentare il suo libro: "Rivoluzione socialista"
    Perché? L'aggressore per difendere la sua: "Macelleria Islamica"

    Cazzo: tutta robba d'attualità!!!

    L'Asinone by francesco colucci



    martedì 26 luglio 2016

    Il Papa...sbagliato......

    Dopo aver trucidato centinaia e centinaia di cristiani, dall'africa, all'asia, al medio oriente, i fanatici musulmani sono arrivati a tagliare la gola ad un Prete, durante la Santa Messa, in Europa.
    Abbiamo un Papa, che da anni, di fronte a questi eccidi di cristiani predica l'altra guancia, ma anche tesse elogi e rapporti con gli Iman Musulmani.
    Credo che questo sia un Papa buono, religioso, onesto....ma un Papa....sbagliato.... per il periodo storico che stiamo vivendo.
    Occorreva adesso alla Cristianità, ma anche a tutto l'Occidente, un Papa coraggioso e forte come era Papa Wojtyla, che da solo seppe liberare la Polonia e tutta l'Europa dell'est, dalla dittatura comunista dell'URSS, con i suoi atti coraggiosi, le posizioni ferme, la mancanza di paura. 
    Un Papa combattente della Fede, risoluto a difendere la Cristianità e la libertà e vincitore su quella che era allora la potente seconda potenza mondiale, con le sole parole, con gli atteggiamenti risoluti.
    Un Papa come questo occorrerebbe oggi alla Chiesa e all'Occidente per difenderci dal disegno studiato dalla maggior parte dei Musulmani, di cancellare la nostra civiltà cristiana, considerata blasfema e nemica.
    Un Papa deciso dovrebbe chiedere agli Iman, che si dicono moderati, di condannare senza se e senza ma, pubblicamente, l'Isis e il terrorismo religioso e pretendere una Fatwa, che indichi con chiarezza che il Musulmano che fa stragi terroristiche non andrà in Paradiso, ma tra le fiamme dell' inferno.
    Altro che incontri interconfessionali....forse questo Papa così generoso e pio, dovrebbe pensare che per il bene della Chiesa forse è l'ora di passare la mano ad un Papa che somigli di più a Papa Urbano II che a Celestino V.

    l'Asinone by francesco colucci 


    domenica 24 luglio 2016

    Signora Prefetto....ci rassicuri....


    Le notizie di questi mesi, fra attentati dell'Isis e di squilibrati emulatori, in cerca delle 100 vergini promesse da Allah, ai martiri della fede, rendono i popoli europei tesi e preoccupati.
    In Italia e a Lucca, poi, centinaia di giovani neri, (solo maschi giovani....gli anziani non fuggono dalle guerre?) in attesa che sia definita la loro sorte di rifugiati o di clandestini, ciondolano in gruppi, nel centro della città, senza sapere cosa fare, creando apprensioni in molti.
    L'accoglienza di popoli che fuggono da guerre e pestilenze è giusta, bisognerebbe che non fosse gestita "all'italiana"...tutti dentro...poi si vede...anni per determinare se uno è un rifugiato o no, ricorsi al Tar, lungaggini burocratiche...
    Il tutto condito con una accoglienza che arricchisce prevalentemente i soliti furbetti del letto e del panino, lasciando nelle città e nei paesi branchi di giovani oziosi e disorientati, senza alcuna prospettiva, ma anche senza alcun controllo.
    Il caldo è forte, il sangue corre veloce nei giovani, abituati a vedere donne velate fino ai piedi.
    Signora Prefetto, lei che è così zelante ed attiva a ricercare location per nuovi continui arrivi, ha mai pensato che nugoli di giovani dimenticati in terra straniera, senza meta e scopo, possono costituire un pericolo per tutti noi, pur senza pensare ad una radicalizzazione terroristica (almeno spero), ma anche solo per atti violenti incontrollati, di singoli o di gruppo, anche frutto di solitudine e di disperazione?
    Signora Prefetto ci rassicuri, ci dica che oltre cercare case, Lei fa vigilare sulla nostra sicurezza, con pattugliamenti delle forze dell'ordine, con infiltrati che controllino in via preventiva atti violenti, con la ricerca di modi di impegno di questi giovani nella società civile, in maniera da non marginalizzarli, sgonfiando possibili atti di ribellione sociale, come già accaduto purtroppo in tante altre realtà europee.
    Signora Prefetto ci rassicuri........

    L'Asinone by francesco colucci



    mercoledì 20 luglio 2016

    Razzisti noi...o Sepolcri Imbiancati gli altri.....???

    Uscendo di casa la mattina mi fermo a San Concordio a prendere un latte macchiato e un budino di riso. Esco dal Bar e incontro il primo nero che mi chiede.....vista la nuova giornata dono volentieri il primo "cinquantino".
    Devo andare in città e parcheggio dentro Porta S.Maria...un nugolo di neri mi attornia indicandomi un ovvio parcheggio libero...dò il secondo "cinquantino"..... nel timore di trovare l'auto rigata.
    Imbocco via Fillungo e un Punky Dog mi attenda al varco. Do' volentieri il terzo "cinquantino" ammirando i cani pazientemente immobili come statue egizie.
    Vado in Banca in S.Michele, mi fermo a salutare Cristo nella bellissima Basilica ed uscendo trovo la solita insistente questua....mi sono stufato....non do  niente ed entro in Banca.
    Uscendo trovo il solito nero che chiede....lo ignoro e vado a prendere un caffè di mezza mattina. Davanti al Bar il solito nero che chiede....questa volta invano.
    Torno all'auto e trovo nuovi neri, diversi, che vorrebbero il loro obolo. Vado via senza dare.
    Devo passare dal Brico, uscendo, pur avendo acquistato solo pochi chiodi, trovo il solito nero, che insistentemente vuole aiutarmi a caricare l'auto...dei chiodi acquistati.....perdo la pazienza e gli dico...educatamente....basta! non mi rompere!.......sfortuna...passa il solito catto-comunista trinariciuto che mi urla: sei il solito Razzista!
    Penso: sono io Razzista o lui e tutti i catto-comunisti come lui sono solo i classici "Sepolcri Imbiancati"????

























    domenica 26 giugno 2016

    Voti di serie A.......

    In passato votavano solo i Nobili, poi il voto fu dato anche a chi aveva un ricco Censo. Lenin diceva che dovevano decidere solo gli Intellettuali (Comunisti ovviamente) ed il popolo doveva essere prima guidato e poi istruito fino a che non avesse imparato a votare......Comunista......
    Lo choc della Brexit ha riportato di attualità una discussione idiota sui voti che contano o meglio chi esprimere il voto migliore e chi invece è un usurpatore del voto.
    Abbiamo letto di tutto, da opinionisti senza pudore: hanno deciso gli anziani (cornuti e da "gasare") mentre i giovani, quelli che esprimono voti veri, hanno votato Remain. (quei pochi che hanno votato)
    Hanno votato Leave, i non abbienti (invece di pensare a mettere insieme il pranzo con la cena) gli operai (si occupino di arrivare a fine mese) i non laureati (ignoranti e vagabondi).
    Hanno votato Remain e quindi eccellenze al voto: Banchieri, Industriali, Possidenti, Lord della Corona, gli uomini della City, gli Opinion Leader, i Burocrati pubblici, ma anche gli Scozzesi e gli Irlandesi che hanno altri problemi aperti con l'Inghilterra.
    Questi si che sono voti "nobili" non straccioni come Leave.
    Che brutta pagina di democrazia abbiamo vissuto da uomini delle Istituzioni, Napolitano, Prodi, Monti, contro il diritto al voto di tutti, terrorizzati dalla fine dell'Europa dei Banchieri, delle Caste: Politiche, Economiche e Burocratiche...dai mille divieti futili e da interessi particolari, ben tutelati.
    Questa Europa non è più difendibile, è da cambiare profondamente o da spazzare via, per tornare all'Europa che Altiero Spinelli immaginò nell'esilio di Ventotene, sulle macerie della seconda guerra mondiale.
    Una Europa dei popoli, che siamo sempre in tempo a realizzare, se smettiamo di prenderci in giro, anzi di essere tragicamente comici sull'analisi dei voti, gabellando per ignoranza quello che invece è chiaro nella mente dei popoli europei.
    Questa Europa dei Banchieri, degli Speculatori, dei Ribassisti, non la vuole più nessuno, solo loro e i loro stipendiati..
    Tutti gli altri vogliono una Europa che ponga al centro i bisogno i Cittadini, che costruisca lavoro e ricchezza per tutti e che sia maestra di democrazia, con un assioma certo:
    Una testa, un voto......e gli Inglesi hanno dato una lezione a tutti, esorcizzando anche la famosa paura "dell'ignoto", con cui governanti in malafede cercano sempre di spaventare chi vuol cambiare...

    asinone by francesco colucci



    martedì 12 aprile 2016

    Il Diavolo veste Prada.....a Guamo

    Ogni mattina, ma non di sabato e domenica, centinaia di persone recano a Guamo per ammirare una estemporanea sfilata di Alta Moda.
    Uomini in classici Smoking o in sportivissime giacche Fay o splendide Boglioli, scarpe inglesi della Church's.
    Signore in abito lungo di Chanel o Prada, con al collo preziosi foulard di Hermes, ancheggiando su prestigiosi stivali firmatissimi, con al braccio splendide borse di Gucci.
    Queste eccitanti sfilate improvvisate si concludono verso le 8,20 di ogni mattina, per riprendere sia pur molto velocemente, poco dopo le ore 13.
    Sconosciute le cause di queste improvvisate sfilate di Alta Moda, anche se a qualcuno dei presenti è sembrato di ricordare di aver visto alcuni di questi capi, nelle vetrine di Tenucci in via Fillungo.....ma certamente sbagliava......
    E' certamente una bufala....ha ragliato l'Asinone.....



      

    lunedì 28 marzo 2016

    Chi è Bruto?....una prima riflessione storica dell'Asinone....e non solo

     Svetonio riporta le ultime parole pronunciate da Cesare morente sotto le 23 coltellate dei congiurati, riconoscendo fra essi Bruto: Parole pronunciate in Greco la lingua dei nobili romani:  ”καὶ σύ, τέκνον;”, ovvero “Kai su teknòn”, “Anche tu figlio“. 
    Questa frase in Greco è stata tradotta in seguito in Latino con: Tu quoque, Brute, fili mi!                       
    Chi è Bruto?  
    La tradizione popolare vuole che Cesare si riferisse al figlio della sua amante Servilia, uno dei congiurati, ma non è affatto certo che sia così.                                                                                         
    Perché i Bruto che concorsero a pugnalare Cesare furono due: Marco Giunio Bruto e Decimo Giunio Bruto Albino. 
    Il primo, Marco, poteva forse anche essere figlio di Cesare, perché la madre Servilia Cepione fu amante di Cesare per molti anni, ma Cesare mai riconobbe il figlio, di cui aveva poca stima e poca frequentazione e che, tra l'altro, era un sostenitore di Pompeo, avversario storico di Cesare.   
    L'altro, Decimo, era invece un fedelissimo di Cesare, suo delegato in Gallia, uomo di fiducia e comandante di Legioni Romane, al suo fianco, in molte battaglie, citato anche nel Testamento di Cesare.
    Fu lui a convincere Cesare ad andare in Senato nelle Idi di Marzo, disattendendo le insistenze della moglie Calpurnia, che non voleva che andasse.                                                                                        
    Per cui è molto più probabile che Cesare si riferisse a Decimo Bruto, come traditore di una fiducia "filiale" che aveva avuto sempre in lui, anziché a Marco Bruto con cui non aveva rapporti ne di fiducia ne di stima, ne lo considerava come suo figlio.
    Per cui, tornando alla Fondazione CRLucca: Chi è Bruto???